Questo diario intimo ripercorre gli anni dell’offesa della persecuzione, rievoca i momenti della paura di essere scoperti e denunciati e l’angoscia di una fuga verso la salvezza in una terra che accoglie ma che provoca al contempo il disagio di sentirsi stranieri