Curandomi di non togliere e, soprattutto, di non aggiungere nulla, ho cercato di aderire minuziosamente a ognuna delle grandi parole dai molteplici significati che incarnano l’intenso dialogo da lei intrattenuto con l’Altro. La struttura essenziale delle strofe mi ha spesso consentito di conservare senza forzature un’alta quota del ritmo e della musicalità così tipici del suo incedere, il tono austero che rende autorevole la voce e che fa di ogni sua poesia un incontro non tanto mediato dalle parole, quanto, immediato, nelle parole.
dalla nota di Silvia Bre