«L’indicibile non trova spazio nel libro: è lo stato d’animo di chi, dopo aver sostato “sulla soglia della casa dei morti”, ne ha scorto i lineamenti, ma ha capito che la salvazione gli potrà venire soltanto dalla scrittura».