Queste lettere al direttore, decisamente disastrose dal punto di vista ortografico ma divertenti, riportano sulla scena il celeberrimo ragionier Ugo Fantozzi, il più sfortunato, pietoso e inquietante degli impiegati del bel paese.