Anna e Paolo hanno rispettivamente venti e diciotto anni quando si incontrano, nell’ottobre del 1947. Vivono in una cittadina del Nord e, come tutti a quell’epoca, desiderano la pace, la tranquillità, un po’ di benessere. Ma i tempi sono ancora di conflitto: c’è la paura di uno scontro tra USA e URSS. Anna ha la tessera del PCI, Paolo invece è più tiepido, quasi distaccato dagli eventi. Ma la drammaticità di quei giorni lo colpisce con forza davanti all’apparizione nella vita di Anna del padre, un comandante partigiano sfuggito alle vendette dei sostenitori di Tito contro gli stalinisti. La sua presenza imprigiona l’esistenza di Anna, al punto da obbligarla a seguirlo in una fuga in un paese dell’Est. L’amore con Paolo è durato solo un anno. Ma accade che..