Il nome Pentateuco designa l’insieme dei primi cinque libri della Bibbia: Genesi, Esodo, Levitico, Numeri e Deuteronomio. Il termine proviene dal greco: è composto da pente, “cinque”, e teuchos, “astuccio”; quest’ultima parola indicava il contenitore cilindrico che custodiva il rotolo in cui consisteva il libro biblico, e passò poi a indicare il contenuto dell’astuccio, cioè il rotolo stesso. Pentateuco significa quindi “libro dei cinque rotoli”. Gli ebrei chiamano il Pentateuco תורה, Toràh, che significa “legge”, “insegnamento”, “istruzione”. Talvolta il sostantivo è preceduto dall’articolo determinativo: Hattoràh, “la legge”. Torah è il nome più antico usato per indicare i primi cinque libri della Bibbia. Gli ebrei considerano la Torah il cuore della Scrittura e della rivelazione di Dio al suo popolo.