Seitàn! Seitàn! Il terribile nome vola sulle bocche degli abissini. Risuona sull’altopiano, lo sussurra anche la luna, nascosta nel buio troppo buio delle notti africane. Il Diavolo. Così chiamano gli indigeni, a ragion veduta, lo sterminatore italico.